Questo sito utilizza cookie tecnici necessari al funzionamento. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o a ad alcuni cookie, consulta la cookie policy

Novità ed eventi

Giovedì, 04 Ottobre 2018 09:51

Due testimoni dell'agroecologia in Amazzonia peruviana in viaggio in Italia

Sono partiti da poco dall'Italia due partner peruviani del progetto di RE.TE e Terra Nuova a sostegno delle cooperative amazzoniche peruviane che producono caffè, cacao, frutta e ortaggi agroecologici e biologici. Virgilio García è un agricoltore che produce caffè e cacao nella zona di Pangoa (regione di Junín, la cosiddetta Selva Central del Perù); è anche membro del direttivo della Cooperativa Pangoa. Esaú Hidalgo invece vive a Campoverde, un municipio non distante da Pucallpa (regione Ucayali), dove si dedica principalmente alla coltivazione di varietà amazzoniche di peperoncino; è presidente della Asociación de Productores Ecológicos “El Pimental” che trasforma il peperoncino in salse piccanti. 

Virgilio ed Esaù hanno partecipato innanzitutto a Terra Madre - Salone del Gusto 2018.

Le visite comuni sono iniziate il 24 settembre con una giornata trascorsa presso la Lavazza a Settimo Torinese. La visita è stata molto approfondita e ha suscitato molto interesse: abbiamo toccato sia l’organizzazione dell’impresa che l’impianto, la parte di ricerca e sviluppo e di vendita, comprese alcune degustazioni di diverse miscele o caffè di origine. 
Il 25 settembre, dopo la visita al mercato di Porta Palazzo, Virgilio ed Esaù hanno visitato l’esperienza degli orti urbani che RE.TE gestisce nell'area del Boschetto di Barriera di Milano, dove si pratica sviluppo comunitario, agricoltura biologica, agricoltura sociale con le scuole, gli ex-tossici e le persone con disagio mentale. 
Il 26 settembre ci ha accolto Gobino, una delle più rinomate cioccolaterie artigianali torinesi, riconosciuta anche a livello internazionale. Abbiamo potuto visitare tutte le linee di preparazione della materia prima e di produzione di cioccolato e cioccolatini; alcuni prodotti hanno un'unica provenienza, legata a presidi Slow Food (Messico, Venezuela, Sao Tomé). La visita si è conclusa con una degustazione dei diversi prodotti.
Dalle 16 alle 18.30 ha avuto poi luogo l'incontro pubblico “Agroecologia e Cooperazione: dialogo tra Perù, Cuba e Italia”, presso il Campus Luigi Einaudi, grazie alla collaborazione dell'Università di Torino.
Il 27 mattina abbiamo incontrato Coldiretti, approfondendo il sistema dell’advocacy, da un lato, e della vendita diretta tramite i mercati contadini di Campagna Amica, nonché in generale confrontandoci sulle sfide dei piccoli produttori. Al pomeriggio abbiamo poi partecipato ad un seminario ad Agraria con la delegazione cubana a Terra Madre. 

Il 28, dopo sistemazione in località Bazzano (provincia di Modena) Esaù e Virgilio si sono spostati con i compagni di Terra Nuova a Bologna, dove hanno potuto gironzolare tra le bancarelle del mercatino bio di “Campi Aperti”. “Campi Aperti” è tra i promotori di “Genuino Clandestino” un movimento per il superamento della certificazione di parte terza in Italia. Verso le 18,30 hanno tenuto nella piazzetta del mercato una presentazione pubblica delle esperienze di Pimental e Pangoa; si è approfondito in particolare il tema della certificazione partecipativa dei prodotti biologici. 
Il giorno successivo sono andati in visita alla fattoria Giardino a Framazzoni (Modena), familiare e biologica.
Il 30 settembre sono tornati a Bologna, dove la Cooperativa Arveia ha in affitto dal comune di Bologna 47 ettari. La cooperativa è una esperienza di CSA (Comunità che supporta l’agricoltura), i soci sono cioè circa 220 famiglie, di cui solo 5 (8 durante la stagione estiva) persone sono anche coinvolti nelle operazioni agricole. La giornata è trascorsa tra i campi di Arvaia e la discussione si è soffermata a lungo sui sistemi di certificazione partecipazione. Nel pomeriggio dello stesso giorno, alle ore 17, si è tenuto presso la bottega del commercio equo e solidale della cooperativa Oltremare (gestito dall’associazione Solidarietà/Impegno) un incontro pubblico con le testimonianze di Esaù e Virgilio. 
Il 1/10 si sono spostati in un comune non distante da Modena, dove hanno visitato un’azienda estremamente diversificata: 5 ettari con alternanza di orticole, apicoltura, aree inerbite e alta biodiversità (siepi, essenze mellifere e prato per attrarre insetti benefici), asini ed animali da cortile. 

Esaú e Virgilio sono ripartiti il 2 ottobre. Un lungo viaggio sulle tracce dei gusti giusti e dei contadini che difendono la biodiversità.

La visita si è realizzata nell’ambito del progetto “Promozione delle filiere bio di cooperative dell’Amazzonia” che riceve finanziamento dall’AICS, grazie anche al sostegno di Slow Food e alla collaborazione attiva di moltissimi soggetti.

RE.TE. ong via Norberto Rosa 13/a 10154 Torino Tel: +39 011 7707388 Fax: +39 1782725520 reteong@reteong.org