Questo sito utilizza cookie tecnici necessari al funzionamento. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o a ad alcuni cookie, consulta la cookie policy

Cosa facciamo

Barriera in transizione

per un quartiere più inclusivo

logo edited 

Il progetto “Barriera in Transizione” ha  rafforzato lo sviluppo del territorio, sia in ambito sociale che economico, contrastando i fenomeni di disagio presenti nel quartiere Barriera di Milano ed agevolando l’inclusione sociale di soggetti vulnerabili e svantaggiati. Si è dato valore alle capacità dei singoli e realizzare una rete di aiuto e scambio basata sul rapporto di vicinanza, creando sinergie con la comunità per limitare l’emergere di conflitti e garantire continuità ai processi di aggregazione attraverso le competenze che ogni individuo può mettere a disposizione.

L’intervento :

- ha favorito lo sviluppo sociale del territorio tramite il comitato di gestione, il comitato di gestione dell’orto collettivo e degli altri punti di condivisione interni al “Boschetto” e l’inclusione esplicita delle fasce più disagiate della popolazione.

- ha promosso l’autoproduzione, la formazione e la lotta allo spreco favorendo inoltre un miglioramento della situazione economica di tutti i partecipanti all’iniziativa.

- ha promosso l’integrazione sociale e la coesistenza culturale, situandosi in un’area multietnica di forte disagio e proponendo incontri e azioni collettive in uno spazio condiviso a disposizione di tutti i cittadini, con un’ottica specifica per le fasce disagiate della popolazione.

- ha creato coesione e lavoro di rete tra diversi soggetti associativi e istituzionali del territorio in oggetto.

A partire da dicembre 2'016 sono state realizzate le seguenti attività:

1. workshop sui temi dell’autoproduzione, risparmio alimentare, risparmio domestico, educazione alimentare. Gli incontri presenteranno inoltre buone pratiche, esperienze attinenti e possibilità di accesso a servizi gratuiti a livello cittadino.

Alla fine dell'articolo trovi le dispense e materiali dei vari laboratori.

2. L’avvio di un sistema locale di recupero di alimenti in scadenza o non utilizzati. Questi verranno raccolti settimanalmente dai punti vendita dell’area e nei mercati e distribuiti alla popolazione del quartiere in difficoltà (su segnalazione delle asl del quartiere). Le azioni saranno condivise con le associazioni che già lavorano sul tema creando così interventi coordianti e di maggiore efficacia.

3. Il coivolgimento dei servizi sociali e dei loro utenti nella gestione dell'orto collettivo e nella realizzazione di attività legate al riutilizzo del cibo ancora commestibile. 

4. Mappatura e creazione di una “banca delle competenze”, ovvero una database che raccoglierà le capacità che ognuno dei componenti della rete sociale intende offrire, valorizzando le capacità dei singoli per realizzare una rete di aiuto e scambio basata sul vicinato.

5. Organizzazione mensile di mercato “senza moneta” al fine di sensibilizzare sul riuso, lo scambio e la condivisione anche di oggetti e strumenti. 

 

 

fcrt logo

Altro in questa Area Geografica « Agrobarriera Back to the future »

RE.TE. ong via Norberto Rosa 13/a 10154 Torino Tel: +39 011 7707388 Fax: +39 1782725520 reteong@reteong.org